“Siamo entrati nella Terza guerra mondiale, solo che si combatte a pezzetti, a capitoli”
Papa Francesco.

Messaggio di benvenuto del Presidente e Fondatore

 

È a nome mio personale è di tutti il Team esecutivo, i Team di leadership Globale, i Collaboratori tecnici e la Segreteria di Direzione, che desidero porgervi il benvenuto sul nostro Sito Web.

 

http://europeanctj.org/ è il sito ufficiale di European Center for Transitional Justice (ECTJ) e dà accesso a informazioni sulla transitional justice. Dal punto di vista lessicale, giustizia transizionale è un termine mutuato dall’inglese transitional justice (justicia transicional in spagnolo, justice transitionnelle in francese, justiça transicional in portoghese, Übergangsjustiz in tedesco). Negli ultimi decenni “giustizia transizionale è diventata un termine di uso molto frequente nell’ambito della prevenzione, gestione e risoluzione dei conflitti, il consolidamento della pace e la pacificazione post-bellica.

 

 

 

Per saperne di più

La nostra missione è la promozione e rafforzamento del contesto internazionale e regionale per la protezione dei diritti umani, della giustizia, dello Stato di diritto e della promozione della democrazia. Contribuire allo sviluppo pacifico, più giusto ed umano, più sicuro, delle relazioni internazionali. Attivare spazi di riflessione “Pubblici” centrati sui temi principali della Giustizia Transitoria, con particolare attenzione al complesso di misure, giudiziari e non giudiziari, per la risoluzione dei conflitti. Per ottenere risultati occorre quindi creare una sensibilità culturale e politica fortemente attenta alla multiforme complessità del fenomeno di Giustizia Transizionale. Siamo consapevoli che il piano complessivo di giustizia di transizione per affrontare l’eredità del passato quando non viene affrontato in modo adeguato è una fonte di disordini sociali e spesso contribuiscono a nuove violenze. Si punta, cioè, a rafforzare la cooperazione giudiziaria nella lotta contro l’impunità. L’obiettivo della ECTJ è sostenere attraverso l’azione organizzativa, seguendo il principio della titolarità nazionale, i negoziati a favore della pace e dei diritti umani, al fine della stabilizzazione delle situazioni post conflitto e normalizzazione della vita sociale ed economica, offrire soluzioni sostenibili e di sostegno a lungo termine, per avviare un progetto di cambiamento politico ed economico verso la democrazia, lo Stato di diritto e la giustizia sociale, e, in materia di promozione dei diritti umani e rafforzamento della fiducia nelle istituzioni.

Prof. avv. Martin Eduardo Botero (Italia)
Presidente e Fondatore

Prof. avv. Alberto Michelini (Italia)

Prof. Avv. Huma Saeed (Belgio)

Prof. avv. Cristina Sáenz Pérez (España)

Prof. avv. Verónica Zenteno (Messico)

Prof. avv. Nicolás Alberto Ampuero Catalán (Cile)

Prof. Avv. Armando Juarez Bribiesca (Mexico)

Avv. Antonio De Luca (Italia)

Prof. Luis M. Jaramillo Arango (Colombia)

Avv. Alberto Balloni (Italia)

Prof. avv. Alfredo Rene Uribe Manriquez (Messico)

Prof.ssa Francesca Ena (Italia)

Collaboratori tecnici

Alberto Costantini (Italia)

Antonio Celestino (Spagna)

Diallo Martinez Vaillant (Cuba)

Juan Manuel Sánchez (México)

Carolina Arcila Schneider (Germania)

Maria Ignacia Nacha Piattini (Argentina)

Mary Luz Cortés Aguirre (Colombia)

Segreteria di Direzione

Eunice Vittini (Italia)

Gloria Perilla (Italia)

Monica Mancosu (Italia)

Dott. Jorge Carvajal Rodríguez (Colombia)

Prof. avv. Willian Fernando Quiroz Salazar (Peru)

Prof. Avv. José Jesús Previtera (Argentina)

Prof. avv. Magdalena Ferrer Moro (España)

Dott.ssa. Luisa Fernanda Velásquez Gómez (Cile)

Prof. avv. Visente Hernandez (Mexico)

Prof. avv. Oscar Juarez Cardenas (Mexico)

Dott.ssa. Margarita Macias (Mexico)

Dott.ssa. Marda Sulema Còrdova (Guatemala)

Prof.ssa Alicia Erazo (Ecuador)

 

Il mondo sta vivendo una fase di trasformazione. Le realtà delle guerre si muovono più velocemente di quelle politiche, come dimostrano la miriade di conflitti violenti in atto nella comunità internazionale. Dobbiamo accettare il fatto che la pace e la sicurezza internazionale richiede anche una risposta più determinata e coerente a livello politico. Gli ultimi due anni hanno lasciato dietro di sé milioni di sfollati. Hanno provocato una forte ingiustizia sociale che durerà molti anni. Hanno cagionato sistematiche violazioni dei diritti umani. Hanno rivelato altresì alcune verità fondamentali sulle difficoltà che la comunità internazionale deve affrontare. Il nostro futuro dipende dalla risposta della comunità internazionale nell’amministrazione dei conflitti e post conflitti. Abbiamo formidabili strumenti a portata di mano: la nuova giustizia penale internazionale, la governance dei conflitti da parte delle Nazione Unite e la giustizia di Transizione.

Collaboriamo con persone di tutto il mondo per arrivare ad una soluzione condivisa dei conflitti distruttivi. Lavoriamo a tutti i livelli della società per costruire una pace sostenibile attraverso tre vie principali: Giustizia è Verità, Pace e Democrazia e Sicurezza e Sviluppo.

in fase di nomina

! Per superare una guerra civile, un periodo di dittatura, e riguadagnare la pace e la democrazia, i cittadini di una nazione ferita hanno bisogno che giustizia sia fatta, che le violazioni dei diritti dell’uomo siano riconosciute e punite!

Cos’è la Giustizia di Transizione?

Quando sentiamo parlare di “giustizia di transizione” spesso e volentieri possiamo fare molta confusione nel cercare di definirle o nel metterle in una ben precisa categoria di appartenenza. In effetti l’argomento non è per niente chiaro, e soprattutto i contorni attorno ai quali si muove non sono assolutamente ben definiti.

VITTIME

DOCUMENTI CHIAVE (I) -

KEY DOCUMENTS (I).

La sfida della riconciliazione nazionale nei paesi in situazione di post-conflitto e di post-crisi richiede una profonda conoscenza dei processi e meccanismi di giustizia transitoria. Le conseguenze di una mancata riconciliazione dopo un conflitto comporterebbe un conflitto ripetuto e rinnovato.
BIBLIOGRAFIA GENERALE -

GENERAL BIBLIOGRAPHY

In questa sezione si presentano alcune proposte bibliografiche sulla giustizia di transizione e i suoi meccanismi, nonché sulla giustizia penale internazionale. This section presents some bibliographic proposals on transitional justice and its mechanisms, as well as on international criminal justice.
COMMISIONI PER LA VERITA E LA RICONCILIAZIONE

TRUTH COMMISSION

In questa sezione sono pubblicati i LINKS fondamentali riguardanti le più importanti commissioni per la verità e la riconciliazione create nella comunità internazionale dal 1980, volte a individuare le sistematiche violazioni dei diritti umani e, quindi affrontare...
LE NAZIONI UNITE E LA GIUSTIZIA TRANSIZIONALE

RELATORE SPECIALE DELLE NAZIONI UNITE

In questa sezione troverete i collegamenti ai vari Rapporti del Relatore Speciale delle Nazioni Unite sulla promozione della verità, giustizia, riparazione e garanzie di non ripetizione
ACCORDI, COLLABORAZIONI

E PARTNERSHIP

ECTJ, nel promuovere e favorire la dimensione internazionale della giustizia transizionale e il rispetto dei diritti umani, dell’insegnamento e della ricerca scientifica, considera tra i propri compiti fondamentali lo sviluppo degli scambi internazionali per attività congiunte
NEWS & NOTIZIE

ED EVENTI

In questa sezione dedicata alla rassegna stampa, agli eventi ed alle attività di comunicazione, è possibile trovare: le News di Giustizia transitoria e del mondo, provenienti dai siti istituzionali e dai social network.

Quali le prospettive di giustizia per questo nostro tempo? Giustizia riparativa, mediazione penale, modalità di risposta – materiali e simboliche – al reato e al reo che ricerchino responsabilizzazione e avvicinamento alle vittime: una giustizia, cioè, che non separi ed isoli; che sia vissuta “meno come il luogo della lite e della frattura e più come luogo di composizione di conflitti, di ristabilimento dell’armonia sociale nel senso dell’antica giustizia biblica”.

Card. C. M. Martini (TSEDAQAH: carcere e giustizia tra pena e riconciliazione, p.1)